Q&A con la Band Rock RØDE dei Navicula

26th Oct 2012
news
Dopo aver conquistato il concorso internazionale inaugurale per band RØDE Rocks con il loro suono grunge ed energico, la band balinese dei Navicula sono stati impegnatissimi. Di ritorno dal loro primo spettacolo nord americano al Le Festival Envol et Macadam in Canada sono partiti per una serie di spettacoli per le isole del Borneo.
Sono appena stati annunciati anche per il prestigioso Festival di Sydney, dove suoneranno come band principale al Manning Bar il 10 di gennaio.
Il frontman e chitarrista dei Navicula Robi è stato così generoso da sedersi a tavolino con RØDE per parlare di cosa ispira la loro musica e della loro esperienza con il RØDE Rocks.
I loro temi musicali sono incentrati sull’ambiente e sulla natura. Come ha risposto il pubblico indonesiano ed internazionale a questo messaggio della vostra musica?
Robi: La maggior parte dei nostri fan non sono a conoscenza della crisi ambientale che stiamo affrontando. Attraverso la musica, un mezzo di comunicazione cui sono abituati, speriamo di portare più consapevolezza riguardo questo problema.
La nostra ultima campagna ha per argomento la deforestazione, la distruzione delle foreste pluviali dell’Indonesia, l’ultimo habitat rimasto per molte specie in via di estinzione come la tigre di sumatra e l’orango. Le foreste pluviali rimaste in Indonesia si trovano sulle isole di Sumatra e di Kalimantan (Borneo), ma la maggior parte della popolazione indonesiana vive nelle città dell’isola di Java. Siamo attualmente in tour nel Kalimantan, viaggiando per 2000 chilometri nella giungla in motocicletta con gli attivisti di Greenpeace per testimoniare e documentare la distruzione della foresta pluviale. In ogni città o villaggio che raggiungiamo noi facciamo il nostro spettacolo per supportare Greenpeace nella loro campagna contro la deforestazione. Il nostro fan club di Bali a Java ha seguito il nostro viaggio online condividendo la loro opinione sulla deforestazione. Anche se inizialmente è su piccola scala, il nostro scopo è di sensibilizzare l’opinione pubblica nel vedere la deforestazione come un problema urgente in Indonesia. Finora la risposta è stata positiva.
Questo tour a Kalimantan è stato finanziato da una campagna di Kickstarter (finanziamento pubblico), molti dei nostri sostenitori sono internazionali. Vedere i nostri fans che hanno finanziato questo tour per noi è stato emozionante; sapere non solo che seguono la nostra musica, ma che supportano anche il messaggio ambientale della nostra campagna.
Navicula visited Kalimatan (Borneo) recently with Greenpeace, raising awareness of the deforestation in the region
I Navicula hanno di recente visitato Kalimantan (Borneo) con Greenpeace, portando maggior consapevolezza sul problema della deforestazione nella regione
I Navicula sono molto seguiti online, su Facebook e Twitter. La band è in attività sin dagli ultimi anni ‘90, come è cambiato il tuo approccio alla autopromozione con l’avvento dei social media?
Robi: Quando i Navicula si sono costituiti nel 1996, i media ci hanno sempre etichettato come “troppo idealisti” o “musica di nicchia” – quindi era difficile avere una visibilità nazionale, e specialmente una visibilità televisiva. Ma ora con i social media, possiamo raggiungere i nostri fan direttamente, con o senza il supporto dell’industria musicale di Jakarta (La città capitale dell’Indonesia e centro dell’industria musicale). Quindi come promuoviamo la band non è importante. Solo che attraverso i social media tutto è più veloce e meno costoso. Per noi la cosa più importante è pubblicare il prossimo singolo e vedere la reazione dei nostri fan. Tutto il resto che promuoviamo serve per costruire la nostra immagine intorno alla musica. Tutto torna alla musica.
Di recente avete suonato al festival di Envol et Macadam in Canada. Come è stato? Avete fatto molti tour fuori dall’Indonesia?
Robi: In realtà, il tour in Canada agli inizi di questo mese è stato il primo tour internazionale dei Navicula. Ma non è stato uno shock culturale come ti immagini. Essendo di Bali, siamo abituati a suonare davanti ad un pubblico internazionale perché lì ci sono molti turisti provenienti da tutto il mondo. Al concerto del festival c’erano tanti fan. Abbiamo curato tantissimo la scaletta dei brani, considerando soprattutto le barriere linguistiche, ma alla fine abbiamo deciso di suonare sia le nostre canzoni in inglese che quelle in indonesiano. Ed è stato grandioso, al pubblico arrivava la nostra musica anche se non poteva capire le parole.
Quali microfoni RØDE avete usato in passato?
Robi: Noi usiamo spesso i microfoni a condensatore RØDE per registrare batteria, chitarra acustica e voce. I microfoni a condensatore RØDE hanno frequenze medio-alte molto dettagliate che funzionano benissimo per le nostre registrazioni. In studio, cerchiamo di catturare l’emozione del suonare dal vivo, così quando la gente ascolta la musica, può quasi sentire l’odore del nostro sudore.
Se doveste attribuire un fattore responsabile del successo dei Navicula al concorso, quale sarebbe?
Robi: Probabilmente la canzone che abbiamo scelto, “Metropolutan”. Il testo parla degli aspetti negativi dell’urbanizzazione e dell’inquinamento delle città. È stata ispirata da Jakarta, la capitale dell’Indonesia. Penso che molti tra i nostri fan sentano che la canzone rispecchi veramente la loro situazione e questo collegamento con la musica è quello che li ha spinti a votarci e ad invitare i loro amici a votarci.

Canzone dei Navicula vincitrice del RØDE Rocks, “Metropolutan”
Qual’è stato il vostro giudice preferito?
Robi: Matt Sorum (perché gli è piaciuto il nostro video, hahaha). Seriamente, la prima canzone che ho imparato con la chitarra è stata “November Rain” dei Guns N’ Roses. Avevo 13 anni e non avrei mai immaginato che anni dopo Matt Sorum avrebbe ascoltato una canzone che ho scritto. Ancora non mi sembra vero.
Quale aspetto del premio vi piace di più?
Robi: Registrare con Alain Johannes come nostro produttore. I Navicula hanno registrato cinque album completi in studio, ma non abbiamo mai veramente lavorato con un produttore creativo. Nei nostri album passati, abbiamo lavorato con dei produttori, ma nessuno che avesse l’esperienza musicale giusta o che avesse a che fare con il nostro stile musicale. Per il nostro nuovo materiale su cui stiamo lavorando, dallo scorso anno, prima del concorso RØDE, stavamo già usando gli album degli Queens of the Stone Age come riferimento per il suono nelle registrazioni. Alain ha partecipato alla realizzazione dei loro album, quindi è la persona perfetta.
C’è un consiglio che puoi offrire agli utenti RØDE che vogliono incrementare il loro pubblico online?
Robi: Fate in modo che il pubblico online ascolti la vostra musica. Se non volete offrire i vostri brani come download gratuito, almeno metteteli gratuitamente in streaming. Se agli ascoltatori piacerà veramente la vostra musica, compreranno l’album fisico, i gadget e compreranno i biglietti per i vostri concerti. Abbiamo visto che se non offriamo la nostra musica online, qualcuno lo farà tramite download illegali. Offrendo le canzoni ufficialmente dal nostro sito web e dall’account di Soundcloud, possiamo rimanere in contatto con gli ascoltatori e invitarli ai concerti o vendere merce online.
E interagire con il pubblico online. Non è solo promozione. Se rilasciamo informazioni sul nostro prossimo concerto o il prossimo singolo, se lo aspettano. Noi cerchiamo di fare in modo che la maggior parte dei nostri post su Facebook e Twitter siano inaspettati… può essere qualsiasi cosa; momenti divertenti mentre siamo in tour, condividere musica di altre band che ci piacciono o aggiornamenti su qualche nostra campagna a favore dell’ambiente.
Vi è stato appena comunicato che suonerete al Festival di Sydney 2013 – come vi sentite? C’è qualcosa che vi aspettate da Sydney?
Robi: Siamo molto eccitati per il tour a Sydney. L’Australia è molto vicina a Bali, quindi speriamo di vedere al nostro concerto alcuni dei nostri fan australiani che ci hanno sentiti suonare a Bali. Partecipare al Festival di Sydney per noi è una grande opportunità per sfondare anche in Australia. A Sydney speriamo anche di metterci in contatto con gruppi di ambientalisti che condividano la nostra campagna per la deforestazione dell’Indonesia. Una delle principali minacce per la deforestazione in Indonesia è la produzione dell’olio di palma, e l’olio di palma viene usato in molti prodotti in tutto il mondo, e anche in Australia. Quindi questa campagna dovrebbe riguardare il pubblico australiano.
I Navicula saranno a LA alla fine di novembre per passare tre giorni a registrare allo studio Record Plant con il produttore Alain Johannes, che è il premio per avere vinto il RODE Rocks.
Per saperne di più sulla loro partecipazione al Festival di Sydney e per comperare i biglietti, visita il sito web del Festival di Sydney.

ARCHIVIO NEWS


2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009